Navigazione veloce

Cambio indirizzo, cambio scuola

Modalità cambio scuola e cambio indirizzo

Circolare n. 457 Borgo San Lorenzo, 12 luglio 2021
A  Tutti gli interessati
p.c. A Docenti

Ufficio didattica

 

 

Oggetto: Cambio indirizzi e cambio scuola

 

Iscrizioni al primo anno per a.s. 2021/2022: a partire dal 12 luglio 2021 viene sospesa la ricezione e valutazione di eventuali domande per cambio di indirizzo e/o cambio di scuola. Questa sospensione è necessaria per definire le classi coerentemente con gli spazi a disposizione e le normative vigenti.

A partire dal mese di settembre si seguirà la procedura del “cambio di indirizzo” o “cambio di scuola”.

 

Iscrizione al secondo biennio corso di istruzione per adulti: il termine è fissato di norma entro il 31 maggio, e comunque non oltre il 15 ottobre 2021.

 

Cambio di indirizzo nel primo biennio/provenienza da altro istituto:

Classe prima: gli studenti frequentanti la classe prima, su richiesta della famiglia, potranno richiedere il cambio di indirizzo entro il primo periodo (trimestre/quadrimestre), il cambio sarà autorizzato dal dirigente scolastico sentiti i consigli di classe coinvolti (o i coordinatori in rappresentanza) e le figure preposte all’orientamento/ri-orientamento, senza ulteriori adempimenti da parte dello studente. Successivamente al primo periodo si applicherà la procedura per il cambio di indirizzo di seguito descritta.

Primo biennio: all’interno dell’obbligo scolastico, ossia nei primi due anni di scuola superiore o fino ai 16 anni, lo studente, su richiesta della famiglia, può cambiare indirizzo di studi senza sostenere un vero e proprio esame: una volta ottenuta la promozione al termine del primo anno, per essere iscritto alla seconda classe di altro indirizzo di studi, deve sostenere, prima dell’inizio delle lezioni, un “colloquio integrativo” diretto ad accertare la padronanza delle competenze e conoscenze di discipline non facenti parte del curricolo dell’indirizzo di provenienza (comma 3 art. 24 Om 90/2001 in applicazione del art. 5 del DPR 323/99). Le eventuali carenze formative andranno colmate mediante specifici interventi e/o percorsi.

Secondo biennio e classe quinta:

Se lo studente desidera cambiare indirizzo di studi, dopo aver ottenuto la promozione alla classe terza (o quarta o quinta), è necessario il superamento di esami integrativi (art. 192 Dlgs 297/94) da effettuarsi prima dell’inizio delle lezioni, per accertare la conoscenza di materie o parti di materie non comprese nei programmi del corso di studio precedentemente seguito. Se lo studente si trova nello stato di sospensione del giudizio per la presenza di un debito, deve essere, prima promosso a tutti gli effetti, e poi, può sostenere gli esami integrativi. Pertanto coloro che intendono sostenere esami integrativi presso questo istituto, devono presentare la domanda entro i termini indicati. L’ufficio registrerà la domanda e l’accetterà con riserva, in attesa del nulla osta definitivo da parte della scuola di provenienza.

Le domande vanno presentate entro il 15 giugno dell’anno di riferimento.

La sessione unica d’esame si svolge nel mese di settembre prima dell’inizio delle lezioni presso la scuola scelta dal candidato per la successiva frequenza.

La commissione è composta da almeno 3 docenti che rappresentino tutte le discipline oggetto d’esame.

Possono sostenere gli esami integrativi gli studenti promossi in sede di scrutinio finale di qualsiasi indirizzo che desiderano essere ammessi a un corso di studi dell’Istituto; tali studenti devono presentare specifica domanda per gli esami integrativi allegando il Nulla Osta della scuola di provenienza.

Gli studenti che non hanno conseguito la promozione possono sostenere esami integrativi soltanto per classe corrispondente a quella frequentata con esito negativo, anche tali studenti devono presentare specifica domanda per gli esami integrativi allegando il Nulla Osta della scuola di provenienza.

Gli esami integrativi consistono in prove scritte e/o orali su “materie o parti di materie non comprese nei programmi del corso di studi frequentato”. Gli studenti che non hanno conseguito la promozione o l’idoneità alla classe successiva, possono sostenere, in scuole di diverso ordine, tipo o indirizzo, esami integrativi soltanto per la classe corrispondente a quella frequentata con esito negativo.

 

 

Iscrizione per la terza volta alla stessa classe:

Una stessa classe di istituto o scuola statale, pareggiata o legalmente riconosciuta può frequentarsi soltanto per due anni. In casi assolutamente eccezionali, il collegio dei docenti, sul proposta del consiglio di classe, con la sola componente dei docenti, ove particolari gravi circostanze lo giustifichino, può consentire, con deliberazione motivata, l’iscrizione per un terzo anno (D.L.vo n. 297/94 art.192 comma 4). Per gli alunni in situazione di handicap, nell’interesse dell’alunno, sentiti gli specialisti di cui all’ articolo 314, può essere consentita una terza ripetenza in singole classi. (D.L.vo n.297/94 art.316 comma 1). La domanda di iscrizione per la terza volta deve essere presentata improrogabilmente entro e non oltre il 30 giugno di ogni anno.

 

 

Si ringrazia per la collaborazione.

Il dirigente scolastico

Gian Lodovico Miari Pelli Fabbroni

 

210712PassaggiClassi-signed

Non è possibile inserire commenti.